Usura sopravvenuta e poteri del giudice di modifica del tasso

Ove il rilievo dell’usurarietà sopravvenuta sia stato tempestivamente eccepito, il giudice del merito è tenuto ad accertarlo per la frazione temporale nella quale il superamento del tasso soglia sia effettivamente intervenuto ed applicare per quel segmento del rapporto contrattuale il tasso soglia previsto in via normativa secondo la rilevazione trimestrale eseguita ex art. 2 1. n. 108 del 1996.
Cassazione Civile, Sez. I, 12 aprile 2017, n. 9405
fonte: dirittobancario.it