Il Chianti mette nel mirino il mercato asiatico

 L’import di vino in Asia, in 10 anni, è passato da 1,7 a 6,4 miliardi di euro, arrivando a pesare per il 21,5% sulle importazioni mondiali. Un mercato ancora marginale per il vino italiano, su cui però i rossi di Toscana crescono di anno in anno, toccando nel 2016 i 42,2 milioni di euro in valore (pari all’8% del totale). Ecco perché ha deciso di puntarci forte il Consorzio del Chianti, con un tour che ha portato i vini della più grande denominazione toscana prima al Prowine di Hong Kong, quindi a Singapore e Seoul, perché, spiega Marco Alessandro Bani, direttore Consorzio Chianti, “il mercato lo impone”.

fonte: winenews.it