Vinexpo, nel bicchiere vino e attualità

Sono 45.000 i professionisti del vino attesi dal 18 al 21 giugno al Vinexpo di Bordeaux, da ogni angolo del mondo, specie da Cina e Stati Uniti, per scoprire i vini dei 2.300 espositori, con Francia, Italia e Spagna, l’ospite d’onore, a fare la parte del leone. Un interesse, quello cinese, che riguarda anche l’aspetto produttivo, con le aziende del Dragone che sono passate dalle 4 del 2015 alle 22 del 2017, mentre i vini di New York e Uruguay sono al loro debutto assoluto. Ma il vino a Bordeaux non riempirà solo i calici, sarà anche lo spunto per affrontare dinamiche di portata mondiale, specie dopo gli sviluppi delle ultime settimane, dall’uscita degli Usa dall’accordo sul clima di Parigi, annunciata dal Presidente Donald Trump, alle trattative per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Temi, inevitabilmente, al centro delle due conferenze da non perdere, “Fire & Rain: Climate Change and the Wine Industry”, di scena il 18 giugno, e “Vinexpo confronts the challenge of Brexit”, sulle sfide del mercato del vino dopo la Brexit, il 20 giugno. Ma il momento più atteso, e presumibilmente più partecipato, è quello delle grandi degustazioni. Il 18 giugno spiccano “Tempranillo – Evolution of its facets according to climates and terroirs of Tempos Vega Sicilia”, con il più importante dei vitigni spagnoli nelle diverse declinazioni di Vega Sicilia, ed il “Concours Mondial de Bruxelles 2017: 50 international winemakers present their awarded wines”, e la curiosa “Cradle of Wine”, organizzata dalla Georgian National Wine Agency. Il 19 giugno protagonista sarà l’annata 2016 con i vini di 100 châteaux della “Union des Grands Crus de Bordeaux”, ma sotto i riflettori ci sarà anche l’Italia, con due momenti firmati “Gambero Rosso”: una masterclass dedicata ai vini vincitori dei Premi Speciali della Guida I Vini d’Italia 2017 e la degustazione della Cuvée Bellavista Franciacorta Meraviglioso, sintesi annate 1984, 1988, 1991, 1995, 2001, 2002. Il 20 giugno è dedicato al Riesling, con diverse degustazioni di vini provenienti da Alsazia, Germania e Australia. E il 21 giugno, “Vinexpo Challenge”, degustazione alla cieca guidata da Jon Arvid Rosengren, 2016 Best Sommelier of the World.