Vendemmia: “niente previsioni”

“Mai come quest’anno le conclusioni si potranno tirare solo a fine vendemmia. Meglio non lanciarsi in previsioni infondate o proclami sulla qualità, o sulla solita annata eccezionale”. Così, a WineNews, il presidente di Assoenologi Riccardo Cotarella, mentre
da più parti, iniziano ad arrivare previsioni sulla raccolta alle porte. “Conosciamo i danni delle gelate di aprile, ma sulla siccità è difficile pronunciarsi, vediamo se perdurerà ancora a lungo o meno. In Assoenologi non giochiamo a dare i numeri. Abbiamo i nostri 4.000 “sensori umani”, i colleghi che per mestiere, esperienza e conoscenza delle loro realtà, sono i migliori rilevatori. Verso il 20 agosto, forse, le prime previsioni”.

fonte: winenews.it